Askatasuna = Freedom

14 febbraio 2011 Commenti chiusi
Questa settimana è contrassegnata come la Settimana internazionale di Solidarietà con il Popolo Basco. A Firenze, come in diverse città europee, saranno organizzate dibattiti, presidi, concerti e manifastazioni di solidarietà a questi.
L’EHL Firenze (Euskal Herriaren Lagunak) collabora ormai da anni con Euskal Herria e Askapena, organizzazioni internazionaliste basche.
http://ehlfirenze.noblogs.org/
http://www.ehlitalia.com/
ECCO LE INIZIATIVE DEI PROSSIMI GIORNI:
Mercoledì 16 febbraio
“Le lotte della gioventù e degli studenti in Euskal Herria”
A partire dalle ore 16.30 presso Facoltà di Scienze Politiche edificio D5 incontro con le organizzazioni giovanili e studentesche basche.
A SEGUIRE
APERICENA, MUSICA DAL VIVO e PROIEZIONE DEL FILM: SAGARREN DENBORA. 25 URTE DESERRITIK ITZULTZEN / IL TEMPO DELLE MELE. 25 ANNI DI ESILIO di Josu Martínez, Txaber Larreategi (Eh 2010, 67′)
Alfonso Etxegarai, militante basco, da 25 anni vive in esilio in una piccola isola africana, São Tomé. Questa è la sua storia e della sua compagna Kristiane Etxaluz, anch’essa impegnati all’interno della lotta di indipendenza del paese basco.
Giovedì 17 febbraio
Proiezione de “Il tempo delle mele. 25 anni di esilio”.
La storia di Etxegarai costretto da 25 anni all’esilio su una piccola isola africana per il suo impegno nella lotta per l’indipendenza del Paese Basco.
A partire dalle 20.00 alla Casa del Popolo di Rignano cena a buffet (prenotarsi entro martedì 15 all’indirizzo ehlfirenze@autistici.org) e proiezione del film.
Sabato 19 febbraio
“Prigionia politica e tortura nel Paese Basco”
La tortura nel Paese Basco è una realtà che migliaia di militanti hanno subito sulla propria pelle.
Ne parliamo con un esponente del TAT, il Colletivo contro la tortura alle ore 18.30 al CPA fi-sud, Via Villamagna 27/a, Firenze.
A seguire cena popolare e concerto con Klaxon e Linea ( http://www.myspace.com/klaxon100celle – http://www.myspace.com/lineacombatrock )
Per ulteriori informazioni:
http://www.facebook.com/event.php?eid=186349771404920
http://www.facebook.com/event.php?eid=176857955691907&ref=nf
http://www.facebook.com/event.php?eid=160472090672022&ref=nf
http://www.facebook.com/event.php?eid=141530895911373&ref=nf
Categorie:General Tag:

SABATO 15 GENNAIO CORTEO IN SOLIDARIETA’ AI PRIGIONIERI POLITICI-TANTI POPOLI UN’UNICA SOLIDARIETÀ

11 gennaio 2011 Commenti chiusi

CORTEO >> SABATO 15 GENNAIO ORE 15:00 @ PIAZZA SS. ANNUNZIATA

La tortura, l’isolamento, la detenzione in carceri di massima sicurezza sono pratiche che è costretto ad affrontare in ogni parte del mondo chi subisce la detenzione politica.

Sono misure il cui fine è quello di far tacere la lotta e la resistenza dei popoli, dei lavoratori e degli studenti, di chi si ribella all’occupazione militare, allo sfruttamento e al modo di produzione che oggi ci viene imposto, il cui ulteriore obiettivo è quello di estendere la sofferenza ai familiari, agli amici dei prigionieri ed impedire o limitare la solidarietà in una cinica e fredda visione della vendetta politica.

Non fa eccezione l’Italia con il 41bis per i “politici” e il nuovo circuito di Alta Sicurezza che sancisce l’isolamento dei prigionieri daidetenuti comuni e la loro ulteriore suddivisione in base all’appartenenza politica.

In particolare è nostra intenzione esprimere la solidarietà ai più di 700 prigionieri politici baschi dispersi nelle carceri spagnole e francesi perché protagonisti della lotta per l’indipendenza e il socialismo in corso in Euskal Herria, a Roberto Martino, Segretario Generale del Movimento Teresa Rodriguez, arrestato in occasione degli scontri avvenuti in Argentina davanti all’ambasciata israeliana, a Ahmad Sa’adat, leader del Fronte Popolare per la liberazione della Palestina arrestato nel 2008 e attualmente detenuto in isolamento nella prigione di Ramon nel deserto del Naqab e ai 5 eroi cubani ancora rinchiusi nelle carceri Statunitesi.

EHL (Euskal Herriaren Lagunak) -firenze

Brigate di solidarietà e per la pace

CPA firenze Sud

Collettivo Politico Scienze Politiche

Unione democratica Arabo-Palestinese

Rete dei collettivi fiorentini

Uds – Firenze

Assemblea Popolare di Rignano Antifascista

Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos – Campi Bisenzio

Circolo Italia-Cuba – Firenze

Centro Politico 1921 – Livorno

CSOA Godzilla – Livorno

Partito Comunista dei Lavoratori – Firenze

Associazione di amicizia italo-palestinese

Per adesioni: ehlfirenze@autistici.org

per info:

http://collettivopolitico.noblogs.org/
http://ehlfirenze.noblogs.org/

Categorie:Eventi cittadine Tag:

Sabato 20 novembre 2010 ore 14.00 “L’Aquila chiama Italia”, manifestazione nazionale

19 novembre 2010 Commenti chiusi
Concentramento all’Aquila! Cittadini di tutta Italia si uniscono all’manifestazione che si terrà questo sabato in Abruzzo per riprendere l’attenzione delle persone sulla mancata ricostruzione post-sisma.
L’Aquila è stata fortemente colpita dal terremoto il 6 aprile 2009, e tutt’ora giace quasi nelle medesime condizioni in cui era il giorno del disastro, un’esempio rigoroso di un paese in rovina.
Durante quest’evento verrà lanciata la legge di iniziativa popolare, una proposta stesa dai cittadini dei comuni colpiti che, dopo mesi di attese e promesse mai mantenute da parte del Governo, hanno deciso di organizzarsi e di proporre una legge organica per la ricostruzione. La legge di iniziativa popolare è stata già depositata in Cassazione. Durante la manifestazione di sabato comincerà la raccolta delle firme (50 mila) necessarie per la sua presentazione.
Il corteo partirà alle 14 da piazza d’Armi, sede della tendopoli principale nei primi mesi dell’emergenza sisma, per arrivare nella centrale piazza Duomo, l’unica piazza riaperta della zona rossa, dove si alterneranno sul palco alcuni protagonisti della giornata. La manifestazione attraverserà via XX settembre, uno dei luoghi simbolo della tragedia per le decine di vittime causate dal crollo di molti palazzi, tra cui quello della Casa dello Studente. Il 20 novembre sarà anche l’occasione per chiedere che questa strada venga rinominata “6 aprile”, in memoria della data che ha cambiato la storia della città. E ancora per chiedere che il 6 aprile diventi la “Giornata nazionale per la prevenzione del rischio sismico”.
L’Aquila ha chiamato l’Italia, dichiarano gli organizzatori, “anche perché le tante emergenze del nostro Paese non sono solo questioni locali, ma ci parlano di un modo di governare il Paese. Un modo per cui emergenze e commissariamenti sono utilizzati per imporre scelte dall’alto e per derogare alle leggi, favorendo di fatto speculazioni e gruppi di potere clientelari e portando alla devastazione interi territori”.
Alcuni di noi studenti medi scenderemo a partecipare.
SOLIDARIETA’ AI CITTADINI AQUILANI.

Categorie:Eventi cittadine Tag:

Molti mi hanno detto ma pochi mi hanno capito.. [post-corteo 17 novembre]

18 novembre 2010 Commenti chiusi

Nel corso di questa giornata di mobilitazione mi è stato  più volte detto che scendere in piazza,  piuttosto che stare a scuola  in occasione della Giornata internazionale del Diritto allo Studio era privo di  senso. Ma forse queste persone non hanno capito che a noi il diritto allo studio ce lo stanno negando sempre di più, e in un futuro non lontano potremmo trovarci con una totale privatizzazione delle scuola.  A quel punto?  Come faremo?

La conoscenza sembra aver perso valore, alle persone non interessa più.  E peggio ancora sembrano non essere più coscienti. Tirano avanti ogni giorno senza domandarsi se gli schemi preimpostati nei quali vivono vadano bene.

Le politiche di questo paese ci stanno distruggendo scuole e università; tagliano i finanziamenti all’istruzione; ci levano le borse di studio, sostituendole con prestiti e lasciandoci quindi con debiti; anche a livello di presidi ci levano gli spazi, ci è negato di  entrare nelle scuole di pomeriggio, quando dovrebbe essere accessibile a tutti qualora volessero svolgere attività alternative alla didattica mattutina. Chi entra a scuola di pomeriggio senza aver chiesto espressamente il permesso e senza aver fondato una associazione viene punito con provvedimenti disciplinari. Inoltre non ci è permesso di attaccare alcun tipo di foglio, disegno o volantino informativo sui muri della scuola.

Noi dovremmo avere voce nella nostra scuola, siamo noi che ci passiamo tutte le mattine,  siamo noi il motivo per cui esiste e per cui docenti,  personale ATA e preside hanno un lavoro.  Ci privano di ogni forma di espressione, creatività e coscienza critica. Ma domani renderanno inaccessibili le scuole alla maggioranza delle persone, e noi, che la scuola la stiamo vivendo adesso, ci ritroveremo precari o disoccupati e allora non ce la faremo più a pagare i prezzi alti degli alloggi e finiremo privati persino di una casa.

Dobbiamo pensare adesso al nostro futuro, non domani.  Saltare la scuola per manifestare sarebbe un ironia se la scuola fosse perfetta,  invece casca a pezzi.

E io preferisco essere in piazza a rivendicare una istruzione e una società migliore, che in classe a promuovere un tacito assenso a questo tipo di scuola e a questa vita.

CAOS CASTELNUOVO – caoscastelnuovo.noblogs.org

Categorie:Eventi cittadine Tag:

Manifestazione Studentesca Mercoledì 17 Novembre

17 novembre 2010 Commenti chiusi

Il 17 novembre è la giornata mondiale dello studente e del diritto allo studio. Diritto che, dalla riforma Gentile a oggi, stanno continuando a ledere e di cui vogliono evidentemente privarci.

E’ ora di abbandonare l’idea che lo studente è solo studente. Noi siamo studenti, ma siamo prima di tutto persone, e viviamo in una società che parallelamente all’istruzione va ad attaccare tutti i diritti collettivi fondamentali.

Oggi lottiamo perché non ci garantiscono una scuola pubblica, di massa, laica, ma domani ci troveremo costretti a lottare per un lavoro sicuro, senza contratti che ci rendano precari a vita, senza cassa integrazione, e per l’apparente banalità di quattro mura e un tetto accessibili a tutti.

Accorciamo i tempi, per il nostro oggi e il nostro domani.
Basta distinzioni tra studenti, lavoratori, e ogni categoria oppressa!

MANIFESTAZIONE

STUDENTESCA

MERCOLEDI’ 17 NOVEMBRE

ORE 9 IN SAN MARCO

GENERALIZZIAMO LA LOTTA!

Rete dei Collettivi Fiorentini * retecollettivi.noblogs.org

Categorie:Eventi cittadine Tag:

CHIUDERE I COVI FASCISTI! CHIUDERE CASAPOUND!

6 giugno 2010 Commenti chiusi

Image and video hosting by TinyPic

Lavoratori, studenti, precari e disoccupati, nessuno escluso, stanno
subendo le prime e già pesanti conseguenze della crisi che attraversa
l’Italia e non solo. Per questo, oggi più che mai, è necessario
organizzarsi e lottare, per non subirne ulteriormente le conseguenze.
Proprio in questo clima si inserisce la nascita di gruppi e gruppetti
dell’estrema destra nelle nostre città: un disegno ben preciso che
ancora una volta restituisce ai fascisti il loro ruolo storico.

Quello
di squadristi nelle aggressioni ai danni di compagni e compagne come
recentemente accaduto a Tor Vergata, oppure contro gli immigrati come
successo anche a Firenze in Via Nazionale e in Via della Scala o ai
danni dei lavoratori in lotta come nel caso dell’Eutelia. Quello di
provocatori quando le loro azioni non diventano altro che un pretesto
per dar modo a polizia e magistratura di colpire e reprimere chi
quotidianamente lotta e si espone al fianco di studenti e lavoratori.
Proprio a Firenze ci sono compagni processati per aver contestato
un’iniziativa di
Totaro in
Gavinana, per aver impedito a Casa Pound
di svolgere un presidio in piazza al Galluzzo, per aver difeso la
propria città dalla violenza fascista la notte del 23 maggio dell’anno
scorso in Via della Scala. Adesso, dopo i tentativi di attecchire andati
a vuoto per Forza Nuova, La Fenice e la Nuova
Destra
Sociale
ci prova Casa Pound che in via Lorenzo il
Magnifico sabato scorso ha inaugurato la propria sede.

Li
ricordiamo tutti, in piazza Navona a Roma, infiltrati nel movimento
studentesco contro i tagli imposti dalla Gelmini mentre picchiavano i
compagni di 14 anni armati di cinghie e mazze tricolori e poi pronti a
puntar il dito contro chi aveva deciso di reagire e non accettare la
loro presenza in piazza. Li ricordiamo ancora a Roma, pronti
all’ennesima aggressione e poi invece costretti a cercare di passare
come vittime perché quella sera avevano trovato un gruppo di compagni
più determinati e preparati di loro. Li ricordiamo in occasione del 7
maggio in Piazza Esedra, scesi in piazza con il patrocinio del Governo,
difesi da uno schieramento immane di polizia e carabinieri mentre
urlavano dal microfono dando di “infami ai militanti del presidio
antifascista e ai loro nonni Partigiani”: non a caso la legittimazione
di questa teppaglia rientra appieno nel tentativo di riscrivere la
storia di questo paese, teso alla cancellazione della memoria storica ed
alla rimozione dei crimini compiuti dal fascismo e screditando la
resistenza e la lotta partigiana.

Si nascondono dietro lo pseudonimo
associazione culturale e tentano, con scarsi risultati, di organizzare
iniziative populiste per guadagnare in consenso e agibilità, ma nella
realtà dei fatti non sono altro che un movimento fascista chiaramente
schierato a difesa delle politiche attuate dal PDL come dimostra anche la loro candidatura in molte
liste del partito di Berlusconi alle recenti amministrative e la
presenza di alcuni esponenti fiorentini di
Alleanza Nazionale all’inaugurazione della loro sede.

Per
quanto si dichiarino “non conformi” vanno a braccetto con chi oggi ci
sfrutta e ci uccide sul lavoro, con chi ci manda in cassa integrazione o
ci rende disoccupati, con chi attacca la scuola e l’università pubblica
distruggendo il futuro degli studenti di oggi e di domani, con chi
sviluppa politiche di guerra contro i popoli dell’Africa e del
Medioriente, con chi costringe quegli stessi popoli al ricatto dei
Centri di Identificazione ed Espulsione sul nostro territorio.

La
Firenze Antifascista, gli studenti, gli operai e i lavoratori non
possono accettare che i sedicenti fascisti del terzo millennio aprano
indisturbati i loro covi!

MOBILITIAMOCI PER LA CHIUSURA DI CASA POUND!

A FIANCO DI
STUDENTI, OPERAI E LAVORATORI

CONTRO IL FASCISMO CON OGNI MEZZO
NECESSARIO

Firenze Antifascista

Categorie:Eventi cittadine Tag:

25 APRILE CORTEO STUDENTESCO ORE 15.00 PIAZZA SAN MARCO

22 aprile 2010 Commenti chiusi

Image and video hosting by TinyPic

Categorie:Eventi cittadine Tag:

ASSEMBLEA DEGLI STUDENTI DEL CASTELNUOVO

20 aprile 2010 Commenti chiusi

Image and video hosting by TinyPic

Categorie:Assemblee Tag:

PRANZO AUTOGESTITO [e il Dilo non è gradito!]

29 marzo 2010 Commenti chiusi

Image and video hosting by TinyPic

Volantino Assemblea 11 Marzo 2009

11 marzo 2010 Commenti chiusi

Image and video hosting by TinyPic

Categorie:Assemblee Tag: